Torna al blog

Un progetto per raccontarvi le storie dei nostri luoghi.

Quante volte abbiamo sentito i nostri amici, magari i nostri cari, parlare di espatrio?

Pensateci: la realtà, e la narrazione ad essa connessa, riguardo le opportunità nel nostro Paese sono disastrose, è inutile negarlo.

Siamo il Paese della fuga: spesso cerchiamo fortuna oltre i confini nazionali, oppure siamo costretti a cambiare regione, oppure ancora a fare i pendolari.

Abbandonare le proprie radici, i propri affetti, oppure spendere una montagna di ore della propria vita per andare dal punto A al punto B, troppo spesso sono l’unico modo per cogliere un’opportunità.

Sei in cerca di una vera opportunità? Allora dovresti espatriare!

Vuoi un lavoro stabile? Dovresti trasferirti a Milano.

Insomma, ci siamo capiti, quante volte abbiamo sentito le persone intorno a noi pronunciare frasi di questo tipo?

Quante volte siamo stati noi stessi a pronunciarle?!

La richiesta di lavoro si concentra in pochi luoghi, l’offerta è sempre più scarsa.

E le periferie?

Spesso si trasformano in dormitori, luoghi adatti a chi non può permettersi una casa in città, ma che ci lavora.

Oggi vogliamo mostrarvi la nostra prospettiva riguardo la periferia, il luogo in cui viviamo, e presentarvi un nuovo piccolo progetto di Supermad.

immagine sigla, bicicletta

Supermad nasce in periferia, le nostre radici sono ben piantate in un terreno sconosciuto ai più: Brugherio, un piccolo paese alle porte di Milano.

Ognuno di noi ha un luogo di appartenenza, e non c’è trauma più grande del doverlo abbandonare.

Tutti noi vorremmo veder crescere, prosperare e vivere in armonia il proprio territorio, anche e soprattutto quando si tratta di periferia.

Saturare le capitali delle opportunità -come Milano ad esempio-, non è una buona idea.

Tagliare fuori chi lavora con passione e determinazione soltanto perché non gioca nel campionato maggiore, è un atteggiamento poco lungimirante e insostenibile.

Desertificare le periferie, per non parlare delle aree rurali, non è la soluzione al problema della mancanza di opportunità, al contrario, è il modo migliore per creare delle vere e proprie bolle alle quali sarà sempre più difficile accedere, che non avranno nulla a che fare con la realtà dei fatti nella maggior parte del Paese.

Noi scegliamo la periferia, non la subiamo.

Noi rivendichiamo l’appartenenza ai nostri luoghi, cercando di vivere secondo abitudini sostenibili e responsabili.

Perché se una buona agenzia non ha sede a Milano oppure a New York, viene percepita come la brutta copia di “quelle vere”?

Il Covid dovrebbe averci insegnato che non esistono confini: si può lavorare ovunque, anche in luoghi slegati dai grandi centri.

Proprio con l’idea di riappropriarci dei nostri luoghi, di sostenere la periferia con processi virtuosi, nasce la nuova rubrica di Supermad: un appuntamento settimanale sul nostro profilo Instagram, in cui divertirci insieme raccontando le piccole e grandi storie della periferia, e riflettere sull’importanza di un tessuto sociale attivo e diffuso ovunque.

Le periferie possono tornare a riempirsi di vita, e desiderare che ciò accada è già un ottimo inizio.

Noi ci impegneremo sempre nel preservare e diffondere la cultura locale, con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione.

Siamo certi che essere un’agenzia all’avanguardia significhi anche questo.

Torna al blog