Torna al blog

Camden Town e la sensazione di essere parte di qualcosa.

Lo scorso weekend sono stata a Londra. Non avevo un bel ricordo di questa città, per cui sono partita con l’unico obiettivo di cambiare aria e farmi un giro.

Abbiamo deciso di alloggiare in Camden Town, un quartiere a nord del centro, che io non conoscevo, per cui ho fatto un po’ di ricerca prima della partenza.

E casualmente, ho capito che ci trovavamo in uno dei luoghi più belli che abbia mai visto.

Camden Town
Camden Town
Camden Town

Camden Town.

Te la descriverò nella maniera più semplice e meno esperta possibile: una strada principale tutta colorata, un canale che attraversa il quartiere, una passeggiata bellissima sulle sue rive, e tanti differenti market oltre al più famoso: il Camden Lock. Un posto magico. Un quartiere pazzesco: ogni angolo, ogni punto di vista valeva la pena di essere guardato e vissuto.

Vi è mai capitato di trovarvi in un luogo e dire: “io qui ci starei”?

Camden Town
Camden Town
Camden Town

Immaginarvi in un istante di vivere lì, di lavorare in uno di quegli edifici, di mangiare Thai ad ogni ora del giorno! Perché in un momento capisci che quelle vie ti fanno sentire parte di qualcosa.

Mi è successo pochissime volte nella vita: a dire il vero, oltre a NYC non penso mi sia mai successo in altre occasioni. E da qui, ho iniziato a fare una riflessione.

Camden Town
Camden Town
Camden Town

L’erba del vicino è sempre più verde?

Io amo Brugherio. È il mio mondo, la mia dimensione. Ma non posso negare che non sia minimamente paragonabile ad un quartiere così pieno di stimoli come Camden Town. E sinceramente, fatico a ritrovare un luogo come questo o come alcuni quartieri di Brooklyn anche se penso a Milano. Ma la domanda che mi faccio ogni volta è: se vivessi lì, ogni giorno, continuerei a pensarlo?

Perché tendiamo sempre a pensare che altrove sia meglio che qui? Perché non siamo soddisfatt*? O perché siamo talmente abituat* a vivere con la testa nella sabbia, in un eterno loop di quotidianità che ci fa dimenticare di fermarci e guardare fuori?

 

Non lo so davvero. Magari puoi aiutarmi tu!

Torna al blog